Vino biodinamico: che cos’è, come nasce e come si produce

Vino biodinamico: che cos’è, come nasce e come si produce

GreenWine

24-11-2018

Curioso di scoprire che cos’è esattamente il vino biodinamico?

Sei nel posto giusto: in questa guida vogliamo raccontarti una storia, che ha come protagonista la viticoltura biodinamica e le peculiarità legate a questo approccio per la produzione vinicola.

Il protagonista del nostro raccolto (oltre al vino, naturalmente) è Rudolf Steiner, studioso austriaco che, negli anni ‘20, inizia ad illustrare agli agricoltori i principi dell’agricoltura biodinamica.

Attorno alla biodinamica ruotano moltissime teorie (spesso mal interpretate), che hanno a che fare con corpi celesti, corna di mucche e rotazioni astrali. Ma quanto c’è di vero in tutto questo e perché il vino biodinamico si differenzia da ogni altra produzione?

Scopriamolo insieme nei prossimi paragrafi di questa guida.

Quello che devi sapere sui vini biodinamici e la loro origine

 Un vino può essere definito biodinamico quando viene prodotto con uve lavorate secondo i principi dell’agricoltura biodinamica. Scopriamo insieme come nasce questo approccio e perché i vini biodinamici sono diversi da quelli biologici.

 Cos’è il vino biodinamico?

 Quando parliamo di produzione di vino biodinamico, si tende ad associare questo approccio a qualcosa di naturale, ma in realtà ci stiamo muovendo su un piano molto più articolato.

Come abbiamo accennato, per definire biodinamico un vino occorre che questo sia prodotto con uve lavorate secondo le linee guida dell’agricoltura biodinamica. Alla luce di questo, per rispondere al nostro quesito iniziale, dobbiamo definire il concetto di biodinamica, che vanta circa un secolo di storia.

Secondo l'Associazione Biodynamic Farming and Gardening, l’agricoltura biodinamica è "un approccio spirituale-etico-ecologico all'agricoltura, ai giardini, alla produzione di cibo e alla nutrizione".

I vini biodinamici, dunque, vengono prodotti attraverso una serie di pratiche agricole che seguono questo approccio e che vedono il vigneto come un unico, solido organismo.

L’idea di base ruota attorno al principio di autosufficienza ecologica: un ecosistema funziona nel suo complesso ed ogni parte del vigneto contribuisce allo sviluppo delle altre.  

In virtù di ciò, materiali naturali, terreni e composti sono usati per alimentare il vigneto biodinamico. Sono banditi concimi chimici e pesticidi, per motivi di fertilità del suolo.

Gli animali vivono sul territorio e lo fertilizzano, dando vita ad un ambiente favorevole per la crescita e lo sviluppo delle viti.

Chiaramente, l’agricoltura biodinamica nel suo complesso strizza l’occhio alla sostenibilità, evitando l’impiego di sostanze chimiche e cercando, come disse lo stesso Steiner, “un modo per guarire e rifertilizzare la Terra”.

Rudolf Steiner e la biodinamica

Abbiamo detto che il vino biodinamico è definibile come tale solo se prodotto con uve prodotte secondo l’iter dell’agricoltura biodinamica.

Ma come nasce questo approccio e perché è così importante conoscerne le origini?

La biodinamica affonda le sue radici negli anni ‘20 e muove i suoi primi passi grazie alle teorie promosse da Rudolf Steiner.

Nato nel 1861 nell’allora Impero Austro-Ungarico, Rudolf Steiner si trasformò in un architetto visionario, che progettò strutture futuristiche definite ancora oggi come rivoluzionarie.

Steiner fu un personaggio assai eclettico: fu uno scrittore molto prolifico che trattò diverse tematiche, dai sogni all’insegnamento delle lingue.

Nel 1924, Steiner diede vita ad una serie di conferenze dedicate agli agricoltori, stanchi di vedere gli effetti più dannosi che benefici esercitati dai pesticidi sui loro raccolti.

Successivamente, queste conferenze vennero pubblicate nel volume Che cos'è la biodinamica? Un modo per guarire e rivitalizzare la Terra.

 Che significa biodinamico?

 "La biodinamica è un sistema di gestione dell'energia." -Mike Benzinger, Benzinger Family Vineyards

 Ora ti starai chiedendo: ma che cosa si intende, esattamente, per biodinamico e quali sono i principi guida di questo approccio?

L'interconnessione di tutto comprende anche corpi celesti come la luna, i pianeti e le stelle.

In poche parole, possiamo definire la biodinamica come una visione olistica dell’agricoltura, che include, naturalmente, anche la viticoltura.

Si tratta del più antico movimento agricolo contro la chimica che precede la creazione dell'agricoltura biologica da circa venti anni.

Cosa rende biodinamico un vino?

 Parlando di vino biodinamico e disciplinare, abbiamo detto che questo può essere definito come tale solo se rispetta un certo iter produttivo.

Attualmente i vini biodinamici sono prodotti in tutto il mondo; molti sono certificati da Demeter International, un'organizzazione senza scopo di lucro che ha conferito la sua prima etichetta "biodinamica" in una fattoria di caffè messicana nel 1928.

Perché il vino possa essere certificato come biodinamico, nessuna sostanza chimica sintetica, compresa la maggior parte di pesticidi ed erbicidi, può essere applicata alle viti, e nessun acido, zucchero o enzimi possono essere aggiunti al vino in produzione.

Seguire il “calendario biodinamico” è un'altra fondamentale parte del processo. Si, perché secondo Steiner l’orto biodinamico ha una forte correlazione con la luna e i movimenti astrali.

Il calendario biodinamico è suddiviso in quattro tipi di giorni, ognuno dei quali rappresenta il momento ottimale per una particolare fase della crescita della vite:

  • Giorni di radici: i giorni ideali per una potatura

  • Giorni di fiori: i giorni in cui la vigna va lasciata sola

  • Giorni di frutta: i giorni migliori per la raccolta delle uve

  • Giorni di foglie: giornate perfette per innaffiare la vigna

 Come puoi osservare, ogni giorno di calendario biodinamico coincide con uno dei quattro elementi (Terra, Fuoco, Aria e Acqua), noti già prima dell'era di Platone.

 Vino biodinamico VS vino biologico

 Abbiamo detto che il vino biodinamico non ammette pesticidi né sostanze chimiche per la sua lavorazione. In cosa si differenzia, quindi, dal vino biologico?

Il vino biologico viene prodotto con uve biologiche. L'agricoltura biodinamica tiene conto di altri fattori, considerati più che rilevanti: parliamo, ad esempio, del calendario lunare e dell'astrologia.

Esistono vini biodinamici italiani?

Ci sono diversi vini biodinamici italiani e la produzione di vino con questo approccio è decisamente in crescita. Non solo in Italia: ad oggi sono più di 700 in tutto il mondo i produttori di vino biodinamico, spesso e volentieri certificati dalla Demeter International.

Se ti stai chiedendo se il gusto dei vini biodinamici è diverso da quelli classici, la risposta è “dipende”. In realtà, i produttori biodinamici producono un vino attraverso procedure differenti da quelle “ordinarie” e questo potrebbe generare delle differenze percettive, soprattutto quando parliamo di sentori secondari.

Tuttavia, potresti assaggiare un vino biodinamico e non renderti minimamente conto della differenza.

 



I vini in articolo

2013
LA BUSATTINA
Maremma Toscana Rosso IGT - Legnotorto
12,80 €
2011
LA BUSATTINA
Toscana Maremma Rosso IGT - Ciliegiolo
34,90 €
2016
LA BUSATTINA
Toscana IGT - San Martino
14,90 €
2011
LA BUSATTINA
Toscana Maremma Rosso IGT - Terre Eteree
16,90 €
2015
RAINA
Montefalco Rosso DOC - Montefalco Rosso
13,90 €
2016
RAINA
Umbria Rosso IGT - Rosso della Gobba
11,90 €
2012
RAINA
Sagrantino di Montefalco DOCG - Campo di Raina
26,90 €
2011
RAINA
Sagrantino di Montefalco DOCG - Sagrantino 'Le Pretelle'
39,90 €
2017
RAINA
Senza Denominazione - Vermouth NUMERO UNO
29,90 €
2014
RAINA
Sagrantino di Montefalco DOCG - Passito
27,90 €

Sconti extra

registrati e ottieni
il 10% di sconto

Pagamenti sicuri

i nostri pagamenti sono sicuri
e facili da utilizzare

Spedizione gratuita

per ordini maggiori di 89,0€
la spedizione è gratuita